Immagine di Sébastien Ross

Sébastien Ross

Proprietario di KracRadio e del progetto musicale maloware.com Proprietario di KracRadio e del progetto musicale maloware.com

Intervista con Mark Remmington

Da dove nasce l'idea di creare una canzone ogni settimana per 12 settimane su Youtube?

L’idea è nata quasi per necessità. La pandemia e le restrizioni del lockdown sono state dure per molti di noi per tanti motivi. Già solo l’isolamento sociale era già abbastanza grave, ma in più c’erano la perdita del lavoro, l’instabilità finanziaria, l’effetto negativo non solo su noi stessi, ma anche sui nostri cari.

Per quanto mi riguarda, mi sono trovato improvvisamente in una brutta situazione mentalmente alla fine del 2020, mi ha colto di sorpresa e mi ci è voluto del tempo per ammetterlo; e ho capito che il primo passo verso la guarigione era ammettere e accettare come stavo. Questo mi ha portato a scrivere la mia canzone “Blossoms” che era davvero una lettera musicale indirizzata a me stessa per capire e accettare dove mi trovavo.

Una volta che l'ho finito e condiviso, ho scoperto di aver ricevuto una risposta immediata non solo da amici ma anche da persone che conoscevo a malapena, che venivano da me dicendo che provavano la stessa cosa, come la canzone li aveva aiutati addirittura... Mi ha ricordato come la musica può guarire e mi ha ricordato che avevo bisogno di sentire, persino di sapere, che stavo facendo qualcosa di significativo con il mio tempo. Sapevo che dovevo fare di più.

Quindi da lì mi sono posto l'obiettivo di realizzare una canzone e un video ogni settimana e di condividerlo, davvero nello sforzo di avere degli obiettivi, uno sforzo per sistemare la mia testa. E la buona notizia è che ha funzionato! Dicono che ci vogliono 3 settimane per formare una nuova abitudine nel modo di pensare; Mi sono concesso tre mesi (12 settimane) per essere sicuro!

Seriamente, devo dire che questo processo mi ha davvero aiutato nelle mie relazioni, me stesso come padre, marito, come amico, sono tornato ad essere il mio io migliore. Vorrei incoraggiare chiunque provi effetti simili della vita sotto isolamento, a fare lo stesso, perseguire un progetto appassionato, sfidare te stesso per apprendere nuove competenze e fissare obiettivi. Vai e basta, fai ciò che ami.

C'erano persone nella tua famiglia che avevano talenti artistici?

Beh, mia mamma è una creatrice molto capace con i tessuti, può realizzare praticamente qualsiasi cosa, dai tessuti, dai vestiti alle tende, e penso che tutto provenga dallo stesso posto della musica. Una spinta a essere creativi, applicando un particolare insieme di abilità, alti livelli di concentrazione e intuizione che nuotano insieme per dare vita a una cosa nuova.

Ho uno zio che mi ha aiutato a iniziare a suonare la chitarra, come accordare, gli accordi di base e i riff, quindi sarò per sempre grato per questo, e da lì ho dovuto badare a me stesso e insegnare a me stesso tutto quello che potevo imparare da Dischi dei Led Zeppelin e dei Black Sabbath.

Ma sì, direi che c'è molta creatività nella mia famiglia; però non è sempre l'espressione musicale quella in cui troviamo le nostre passioni.

Suoni tutti gli strumenti?

Sì, lo faccio, ancora una volta, questo è più per necessità. Ho realizzato questa musica durante la seconda ondata di restrizioni di blocco piuttosto forti, quindi collaborare con altri era semplicemente fuori dal tavolo. Inoltre, per rispettare le scadenze che mi ero autoimposto di una canzone completamente masterizzata a settimana, non mi concedevo il tempo per tentativi ed errori che deriva dal lavorare in remoto su progetti musicali con altre persone.

Quindi l'album riguarda solo me. Sentirai che c'è molto uso dei tasti, in particolare nelle mie canzoni "Black Keys Honey" e "Put my Bones into the Ground", ma tutte hanno texture in sottofondo, di archi sottili, piano elettrico ecc. suono tutte le parti di basso ovviamente, ma devo dire che sono prima di tutto un chitarrista.

Per tutto il resto, inclusa la voce, mi avvicino come strumento per portare a termine il lavoro, mi avvicino a questi altri strumenti come un cantautore. Penso che sia fantastico avere altri strumenti in giro che non siano il tuo strumento principale, ti fanno scrivere in modi completamente diversi e scrivere canzoni che altrimenti non avresti.

Può anche essere abbastanza liberatorio; quando stabilisci una parte di chitarra, come chitarrista, non puoi fare a meno di distrarti preoccupandoti, questa sezione tecnica è abbastanza interessante per essere interessante, dovrei suonare in modo più appariscente. Quando prendi uno strumento in cui sai di non essere abile, ti preoccupi solo di migliorare la canzone, di cercare di ottenere il suono nella tua testa, registrarlo su nastro e registrarlo.

Chi ha ispirato il tuo stile musicale?

È una domanda strana a cui rispondere perché la musica che ascolto di più è rock e metal piuttosto duro e pesante; Adoro la band Mastodon, ad esempio. Ma ho gusti davvero eclettici e per qualche motivo quando mi siedo per scrivere, i suoni che escono non sono proprio così... almeno non più, quindi a volte mi ritrovo a canalizzare i Pink Floyd, o Neil Young, e poi gli Smashing Pumpkins. o Radiohead il successivo.

Adoro anche gli artisti folk come Nick Drake e John Martyn, o Americana and Blues, Ben Harper per esempio, e lo sentirai in canzoni come "Can't evitare il Crash" eseguite principalmente in un salotto in stile Robert Johnson con accordatura aperta. chitarra.

Di quale canzone sei più orgoglioso e perché?

Questa è una domanda davvero difficile, come scegliere il figlio preferito! Ogni canzone è importante per me per ragioni diverse; sono le storie che ho vissuto o raccolto durante le 12 settimane in cui ho scritto canzoni.

Detto questo, la canzone che sembra aver significato di più per gli altri finora è “Blossoms”; Non avevo mai realizzato una canzone prima che spingesse le persone a mettersi in contatto e dire che le aveva aiutate. Ne sono incredibilmente orgoglioso, è così che dovrebbe essere la musica, non è così, dopo tutto? un modo per condividere storie, per evidenziare esperienze comuni di tutte le nostre vite, nel bene e nel male. Non è facile offrire il proprio cuore affinché il mondo lo veda, ma se così facendo sono riuscito ad aiutare alcune altre persone, allora ne è valsa davvero la pena.

Devo fare una menzione d'onore perché sono anche molto orgoglioso dei grandi suoni di chitarra di "Going Out of Our Minds", l'album è tutto registrato a casa, e tutto il vicinato lo sapeva mentre lo stavo registrando, il mio amplificatore per chitarra era alzato a 11!

 

Hai già partecipato ad altri progetti musicali?

Sì, suono anche la chitarra e canto in un pezzo a tre di blues elettrico chiamato “Stone Pepper Blues”. Si tratta prevalentemente di rielaborazioni di classici blues, qui suono molto la chitarra slide. Ma abbiamo anche del materiale originale e abbiamo pubblicato un singolo lo scorso ottobre chiamato “Lockdown, Lockdown, Lockdown”. Nessun premio per chi indovina di cosa parlano quelle canzoni. Suonare in questo tre pezzi con i miei amici Eddie Miles e Jon Cannon è un vero piacere, c'è qualcosa di magico nell'essere in tre pezzi, quando tutti cliccate, il suono che producete in qualche modo diventa più della somma delle sue parti, un quarto dimensione del suono entra in qualche modo nella stanza. Lo adoro. È anche fantastico suonare semplicemente questi vecchi brani rauchi.

Recentemente ho anche lavorato con un ottimo vecchio amico e collega artista "Nix Dadry" aggiungendo chitarre soliste per il suo prossimo EP che uscirà quest'estate, spero. Ancora una volta saldamente nel ruolo di chitarrista solista, ho anche appena girato un video dal vivo con lui e la sua band che è appena stato pubblicato su YouTube come sostituto di Nix per poter suonare dal vivo o in tour per supportare l'ultima uscita, ci sono questi video dal vivo per far divertire i suoi fan. Se ti piace il tuo rock, dai un'occhiata a lui!

Ho anche suonato un paio di anni fa con l'artista Alternative Folk Neil Cousin nel suo EP “Roaring Boy” fornendo chitarre e mandolino. Abbiamo anche suonato parecchi concerti ed è stato molto divertente. Devo dire che l'intero pezzo è stato ciò che mi ha aiutato a tornare a suonare la chitarra, dopo una lunga pausa dalla musica, concentrandomi su una carriera aziendale e mettendo al primo posto la mia giovane famiglia. Queste cose sono importanti ovviamente, ma se sei una persona creativa, è davvero importante che tu stia facendo qualcosa con quella creatività, che tu stia facendo le cose anche per te stesso.

Pensi di stare sperimentando altri stili musicali, se sì quale?

Ebbene sì, c'è il Blues e l'Hard rock di cui ho parlato sopra; ma ho avuto la fortuna di essere stato invitato a suonare molta musica come turnista in passato. Devo dire che non sono affatto un virtuoso; ma amo tutta la musica, e quando ascolto le canzoni di altre persone, in particolare nei loro dischi, faccio i compiti, elaboro lo stile di esecuzione, imparo le canzoni a fondo e arrivo preparato con alcune opzioni per la loro canzone e ho di conseguenza, ho imparato a lavorare abbastanza rapidamente.

Non puoi essere il migliore nella musica, ci saranno sempre altri più abili nel fare le loro cose, ma puoi sempre essere quello che lavora più duramente e il più preparato. Questo è molto importante e le persone apprezzano sempre che tu prenda sul serio la loro musica. In passato ho suonato, Country, Pop, anche un po' di Jazz, molto rock, un po' di metal, Punk... Fondamentalmente se richiede una chitarra, ci ho provato bene.

Quale artista stimi di più e perché?

Non sono sicuro che il rispetto sia una parola che mi piace usare per la musica; tutti meritano rispetto indipendentemente dalle capacità che possiedi, rispetto le persone che trattano gli altri con rispetto, che vivono con uguaglianza e gentilezza sulle labbra e nel cuore.

Sono stupito dai musicisti degli anni '50, '60 e '70 che hanno scolpito e creato i generi che oggi diamo per scontati. Potrei stare sveglio tutta la notte e parlare dei primi 4 album dei Black Sabbath, o del capolavoro jazz di Miles Davis “Kind of Blue”; o i testi di Bob Dylan... tutte queste persone e molte, molte altre.

Ma suppongo che uno degli atti più altruisti della musica negli ultimi anni sia stato quello di David Gilmour che ha messo all'asta la sua collezione di chitarre molto famose della sua carriera e ha donato l'intero lotto all'organizzazione benefica Client Earth per combattere e aumentare la consapevolezza delle realtà del clima. i cambiamenti.

Non solo la sua musica ha regalato a tanti di noi innumerevoli momenti di gioia e ispirazione, ma fare ciò che ha fatto è un dono per le generazioni future oltre la musica. Possiamo tutti imparare dal suo esempio.
che posto occupano i social media nella promozione della tua musica?
Cerco di unificare ciò che pubblico su tre piattaforme con cui ho più familiarità, Facebook, Twitter e Instagram.

Quindi seguimi su uno di questi e ti prometto di farti divertire con musica, chitarre e semplicemente cose della vita in generale. Devo dire di tutti che, per un artista indipendente come me, Facebook fa schifo di questi tempi, nessuno dei miei amici e follower sembra vedere nessuno dei miei post, ma Insta e Twitter sono davvero delle ottime piattaforme con ancora molta portata organica. Quindi mi sto davvero divertendo a condividere e scoprire musica su quelli in questo momento.

Hai un progetto futuro a cui stai lavorando attualmente?

SÌ! Ovviamente il mio album «12 Weeks» uscirà il 9 giugno, puoi ascoltarlo in streaming o scaricarlo da tutti i principali servizi del tuo paese ovunque tu sia, ho anche dei CD fisici disponibili su BandCamp (sono della vecchia scuola, Adoro ancora un CD e un vinile).

Ma sto già lavorando al prossimo album e ne ho già registrato la metà. Il prossimo album prevederà collaborazioni ed esibizioni con amici e altri artisti ed è stato davvero fantastico coinvolgere le persone che amo uscire e con cui suonare. Soprattutto sono così grato che queste persone fantastiche siano interessate a suonare le mie canzoni; è un onore.
ci piace lasciare l'ultima parola, cosa vorresti dire?
Devo dire che penso che il lavoro che fai alla radio KRAC sia davvero importante, apprezzo molto la piattaforma e la voce che dai ai musicisti indipendenti, tutti abbiamo le nostre storie da raccontare.

Per me, e certamente con questo album, volevo solo far capire che se stai attraversando un brutto momento, se stai lottando, non è mai per sempre, troverai la tua gente che ti aiuterà a superare la crisi e potrai usare la tua passione. per trovare un significato in ciò che hai, inizia a creare. Almeno, questo è ciò che ha funzionato per me.
Il mio album “12 Weeks” uscirà il 9 giugno. Grazie per aver ascoltato

Ci piace lasciare l'ultima parola, cosa vorresti dire?

Devo dire che penso che il lavoro che fai alla radio KRAC sia davvero importante, apprezzo molto la piattaforma e la voce che dai ai musicisti indipendenti, tutti abbiamo le nostre storie da raccontare.

Per me, e certamente con questo album, volevo solo far capire che se stai attraversando un brutto momento, se stai lottando, non è mai per sempre, troverai la tua gente che ti aiuterà a superare la crisi e potrai usare la tua passione. per trovare un significato in ciò che hai, inizia a creare. Almeno, questo è ciò che ha funzionato per me.
Il mio album “12 Weeks” uscirà il 9 giugno. Grazie per aver ascoltato

>Vedi anche

Mark Remmington è un chitarrista diventato cantautore, con sede nelle zone rurali dell'Inghilterra orientale. Intraprendendo la sua prima uscita da solista, emerge da una lunga pausa dalla scena musicale ed entra in un nuovo periodo di alta produttività.

Nel suo precedente ruolo di chitarrista, Mark è stato un musicista in studio e un musicista in tournée, suonando su alcuni dei palcoscenici più grandi d'Europa. Il debutto da solista di Mark ora lo vede nel ruolo di multistrumentista e narratore, condividendo storie di vita vissuta attraverso la pandemia, il grande dono degli amici, gli alti dell'amore, i bassi dell'isolamento sociale, della perdita e infine il l’importanza di vivere bene la vita.

In risposta al minimo sentimento depressivo che molti hanno sperimentato nell'ultimo anno, Mark ha deciso di superare questo periodo scrivendo canzoni e realizzando video di accompagnamento, pubblicando una canzone a settimana, ogni settimana, per 12 settimane. Il processo è stato un successo e Mark ora ha la sua raccolta di canzoni pronta per uscire come il suo album "12 Weeks".

0%