Scritto da

Yanick Franche

scritto con Sébastien Ross

credito fotografico Sacha Bourque 

Il nostro ospite Biz analizza la questione

Ciao Biz, sono lieta di avere il piacere di fare questa Q&A con te. Cominciamo con una domanda leggera per il maestro della lingua francese che sei, dicendoci qual è la tua parola preferita nella nostra bella lingua e perché?

La risposta più facile sarebbe il dizionario, perché le contiene tutte, ma questo non ci dice molto. Diciamo che mi piace la parola sensualmente perché penso che lo faccia. Trovo che il significante e il significato si incontrino e che sia sensuale dire sensualmente, e quindi abbiamo bisogno del linguaggio per dirlo.

25 anni di FrancoFolies - 082.JPG
Di Jean Gagnon, CC BY-SA 3.0, Collegamento

Lei è sempre stato un grande difensore della lingua e del Québec. Cosa pensa del Québec nel 2021? È ancora possibile diventare un Paese in questo sistema che tende alla globalizzazione?

Sì, penso che sia ancora possibile. Gaston Miron diceva: "Finché l'indipendenza non è raggiunta, resta da raggiungere". È possibile? Sì, ma è probabile nel prossimo futuro? Non lo so. Onestamente non lo vedo. Ma essendo la politica quello che è, ci sono molti Nostradamus che hanno gettato la loro sfera di cristallo nel cestino. Non da ultimo dicendo che, la sera delle elezioni, non c'era modo che Donald Trump potesse vincere le elezioni, e così è stato. 

In politica può succedere di tutto, davvero di tutto. La lezione che ho imparato dalla storia è che non si può mai dare nulla per scontato in politica e non si può mai dire che non accadrà mai. Diciamo che ai miei tempi, quando abbiamo iniziato a fare musica dopo il referendum, il progetto di indipendenza era sostenuto dai giovani e da un certo numero di anziani. Ora è soprattutto la vecchia generazione, i Baby Boomers, a sostenere questo progetto. Per quanto riguarda i giovani, almeno quelli con cui sono in contatto perché ho la fortuna di avere una fidanzata trentenne, e questa è una benedizione sotto mentite spoglie, compresa la possibilità di incontrare giovani millennials, ho notato che non è all'ordine del giorno, non è ciò che li preoccupa in primo luogo, non come lo era per me all'inizio degli anni Duemila con i Loco Locass e tutto il resto, era una questione centrale nella mia vita. È una questione che per me è ancora molto importante, penso ancora che sia rilevante fare l'Indipendenza, per tutta una serie di ragioni che sono le stesse che pensavo prima e che si sono aggiunte altre. 

Direi però che non è vero che i giovani non sono più sovranisti. Un anno fa, prima della pandemia, sono andato a un raduno di giovani sovranisti, dove ero il più anziano, e ho detto loro che ero contento di essere il più anziano in un raduno di sovranisti perché significava che c'erano giovani che credevano ancora in quell'idea. Credo però che sia necessario collegare le preoccupazioni dei giovani all'importanza dell'indipendenza. Per fare un esempio, i giovani sono molto sensibili alle questioni ecologiche, quindi come puoi definirti ecologista se vivi in un Canada ricco di petrolio, un Canada la cui economia si basa sui combustibili fossili. Non è che siamo migliori degli abitanti dell'Occidente, è solo che abbiamo l'acqua invece del petrolio sul nostro territorio. 

Credo molto nella repubblica elettrica, è una formula piuttosto semplicistica ma, per me, indica due cose. In primo luogo, che viviamo in una vera democrazia, perché ci siamo liberati della Regina, la monarchia che pende sempre sulle nostre teste, e inoltre che viviamo in un'area in cui possiamo produrre energia, non dico energia più pulita perché l'energia ha sempre un costo, ma diciamo energia meno sporca. Potremmo produrre treni, automobili e aerei con l'alluminio, alluminio prodotto con l'elettricità, potremmo elettrificare l'intero Quebec e persino l'intero Nord-Est americano.

Tra l'altro, nel mio prossimo romanzo, che sto finendo e che uscirà in autunno, il personaggio è un professore di letteratura che sta per pubblicare un libro, e questo libro è una distopia, o un'utopia politica, che descrive l'indipendenza del Québec nel 2076, quindi cento anni dopo l'elezione del Parti Québécois. L'indipendenza del Québec è provocata dai Cree del nord che, in seguito a un colpo di Stato, si sono impossessati delle dighe e che ora riforniscono di energia l'intero Nord America orientale. L'indipendenza viene quindi dichiarata in lingua Cree. 

Questa utopia dimostra che l'indipendenza può arrivare in modi inaspettati e che dobbiamo continuare a cercare di convincere le persone, ma forse con nuovi argomenti, nuovi attori, nuovi volti e nuova retorica.

In effetti, per raggiungere l'indipendenza, abbiamo bisogno di nuove idee, a mio parere

Sì, l'indipendenza non è un'idea nuova, ma il fatto che sia vecchia non significa che sia superata. Quando diciamo che questa idea è superata, è importante dire che chiunque lo dica è un indipendentista. Sfido qualsiasi politico federale a dire: "Avete ragione, l'Indipendenza è superata, annetteremo il Canada agli Stati Uniti, sarà più semplice e smetteremo di fingere di essere indipendenti dagli Stati Uniti".

Forse anche noi dobbiamo cambiare strategia, forse dobbiamo sottoporre a referendum la Costituzione canadese, che ci governa ogni giorno. È possibile che ci siano cose che non ci piacciono, come l'Indian Act. Dopodiché, la domanda "Accettate o no questa costituzione? Se dite di sì, la firmate e basta, ma se dite di no, ok, ma ora cosa fate? Ne prendiamo un'altra? Ci diamo un brevetto che ci soddisfi un po' di più? Una repubblica con rappresentanza regionale? Rappresentare le 11 Prime Nazioni del Quebec in Parlamento? Tutto questo potrebbe essere previsto in una repubblica del Quebec, ma è impossibile in un Quebec che rimane una provincia.

Biz 2020.jpg
Da Thekidpossum, CC BY-SA 4.0, Collegamento

Cosa ne pensate della gestione della pandemia da parte del governo del Quebec? E della gestione del governo canadese? E della reazione dei nostri concittadini?

Non vorrei essere al governo in questo momento. In realtà, non vorrei mai essere un politico, non in tempi normali, figuriamoci in tempi di pandemia. Chiunque ci dica che Legault e Trudeau sono contenti della pandemia perché vogliono controllarci non li ha guardati in faccia. Non è vero che sono contenti della pandemia, non è vero che sono contenti di fare il loro lavoro in questo contesto. 

Onestamente, credo che ognuno stia facendo quello che può, davvero. Tuttavia, raggiungiamo rapidamente i limiti della federazione quando ci rendiamo conto che il governo Legault, almeno a marzo, insisteva sull'importanza di chiudere rapidamente le frontiere e che Ottawa ci ha messo tanto tempo prima di farlo: "Beh, amico, non sei padrone di casa tua quando ci siamo noi". Come abbiamo visto con l'acquisto dei vaccini, alla fine siamo solo adolescenti nella nostra camera da letto, non siamo noi a decidere quando dobbiamo lavare i piatti o portare fuori la spazzatura! 

Va benissimo che Justin Trudeau dia lezioni a Legault sulla gestione dei CHSLD quando i trasferimenti sanitari sono stati tagliati per 50 anni, da 50% a 20%. Ma prima di iniziare a dare lezioni su come gestire le cose, si occupi prima di tutto di ciò che le appartiene, cioè i prigionieri, e di ciò che è sotto la sua giurisdizione a livello federale, come gli aborigeni, e in secondo luogo dia i soldi alle province in modo che possano gestire correttamente i loro sistemi sanitari.

Mi stupisce sempre vedere Justin Trudeau implorare, siamo arrivati al punto in cui i canadesi implorano di non viaggiare. È la prima volta che vedo un politico implorare la gente di non viaggiare. È come se la polizia implorasse la gente di non passare con il rosso. Quindi cambiate la legge, vietate i voli, chiudete gli aeroporti, questo risolverà il problema dell'accattonaggio e sarà tutto.

In generale, nella federazione è sempre la stessa cosa. Il governo federale si pone come padre di famiglia mentre le province fanno il lavoro sporco. Manca il budget per fare il vero lavoro a stretto contatto con i cittadini, mentre le province ce l'hanno, tra l'altro nel campo dell'istruzione, della sanità e dei trasporti, mentre il governo federale cerca sempre di convincerci che sa come funzionano le cose e che dovremmo ascoltarlo. Per me, se ci fosse bisogno di un'altra ragione, questa pandemia illustra l'importanza dell'Indipendenza per poter gestire il funzionamento delle cose all'interno dei nostri confini.

La pandemia ha occupato molto spazio nel 2020, ma ci sono stati anche altri eventi significativi. Quali hanno avuto il maggiore impatto su di voi? Perché o perché no?

Quest'anno, dal punto di vista sociale, non abbiamo altra scelta che affrontare la morte di George Floyd negli Stati Uniti e il grande movimento mondiale che ne è seguito. Si è capito, su scala occidentale, che ci sono davvero dei problemi, ed è ovvio che negli Stati Uniti è palese, ma penso che ogni società debba guardare a se stessa, ma dobbiamo stare attenti a non importare i problemi e i quadri ideologici degli Stati Uniti, perché si può fare come un colonizzato, ma non si fanno le cose per bene quando si fa così. D'altra parte, dire "non siamo come negli Stati Uniti" non ci esime dall'esaminare la questione.

Faccio rap da 20 anni e ho amici haitiani e africani che sono più disgustati di me dalla polizia, e non sono più cattivi di me. Amici a cui viene rifiutato l'alloggio a causa del loro accento, questo non solo mi preoccupa, ma mi fa... mi fa male, in effetti.

Quindi, la consapevolezza a livello mondiale del razzismo che esiste, che è reale, direi, e anche il sentimento di stanchezza di coloro che lo subiscono, per me era ovvio.

È successo quest'estate con i neri e quest'autunno, con la signora Echaquan a Joliette, con gli amerindi. Abbiamo scoperto in Québec, e lo sapevo perché è un mondo che conosco un po', in ogni caso un po' meglio della maggior parte dei quebecchesi, ma lo sapevo, che ci sono aborigeni che non vogliono andare in ospedale perché hanno paura di non tornare, hanno paura di essere disgustati e giudicati. 

Ho conosciuto Carol Dubé, il vedovo della signora Echaquan, durante le riprese di un programma e mi sono trovato molto bene con quest'uomo, una persona straordinaria che mi ha fatto molto bene vedere come, nonostante tutto, riuscisse a essere sereno, molto forte e molto divertente, nonostante quello che era successo. Mi ha parlato molto, mi ha fatto autografare uno dei suoi oggetti e siamo andati molto d'accordo. E io mi sono detto: "Faccio parte della banda che ha ucciso, che ha fatto morire sua moglie fino all'ultimo respiro nell'indegnità più totale e questo tizio si rilassa con me, è rilassato e divertente. Se la mia ragazza andasse a Toronto e morisse in ospedale per essere chiamata "rana", non credo che mi sentirei tanto a mio agio con i canadesi. Ho imparato molto da quell'incontro e da quella discussione.

La situazione è complicata perché è una questione di giurisdizione. Tecnicamente, il Quebec non ha un Ministero per gli Affari Amerindi, che è di competenza federale; tuttavia, il sistema sanitario è di competenza del Quebec, ma chiaramente non è giusto che la gente abbia paura di andare in ospedale, sia per paura di ammalarsi che per paura di perdere la vita. Credo che in Quebec ci si sia resi conto della stessa risonanza che ha avuto George Floyd negli Stati Uniti. Forse possiamo imparare da questo, in modo che almeno quelle morti non siano state vane.

È vero che molte persone hanno aperto gli occhi su ciò che possono passare le persone di colore e le persone neutre dal punto di vista cromatico.

Proprio così! Ho un amico attore, un giovane che ha recitato nel film "La caduta di Sparta" che ho scritto, un ragazzo fantastico con cui sono rimasto in contatto, e mi ha detto: "Dopo la morte di George Floyd, ho sentito che la gente mi guardava in modo diverso per strada. Ho sentito sorrisi, ho sentito un tipo di considerazione che prima non era della stessa portata". Penso che ci sia un prima e un dopo, nonostante questi incidenti drammatici, ci sono cose positive che possono emergere da tutto questo.

Altrimenti, è tutto inutile e questo è il momento in cui diventa alienante, in cui diventa frustrante e in cui le persone si arrabbiano, il che è legittimo, e non si sa mai come la rabbia possa sfogarsi. Collettivamente, quando la rabbia ha la meglio sulle persone, porta a un'invasione del Campidoglio, a una perdita di significato, al fallimento della democrazia quando la violenza ha la meglio sulle persone.

Detto questo, a volte è necessario. Si può anche guardare alla lotta del F.L.Q. (Front de Libération du Québec) e a come è stata condotta, ispirandosi ai più grandi movimenti rivoluzionari del mondo. Ho visto il film "Les Rose" e sapevo della Crisi d'Ottobre, ma ho visto le immagini della povertà endemica dei quebecchesi francofoni prima della Rivoluzione Tranquilla, e quando si vedono quelle immagini si capisce perché possiamo essere così disgustati da un sistema che ci domina, un'oppressione sistemica, in questo caso, che si applicava chiaramente ai quebecchesi e che, anche negli indicatori sociodemografici all'inizio del secolo, era paragonabile ai Paesi africani in termini di longevità, mortalità infantile e vari indicatori, quindi quando si vede questo, quando lo si ricorda, si capisce il F. L. Q..L.Q.. Oggi James Cross è morto, ma è stato l'unico a chiamare i felquisti rivoluzionari e non terroristi, forse perché, grazie alla sua posizione di diplomatico britannico privilegiato, conosceva la dinamica imperiale, che era in grado di riconoscere nelle società quando la gente era abbastanza malata e doveva ribellarsi per uscirne.

Per aiutarvi a risollevare il morale in questi tempi difficili, soprattutto durante la pandemia, quali attività fate per ricaricare le batterie e schiarirvi le idee?

Giocavo a hockey in una lega di garage e praticavo il karate, ma al momento non possiamo più praticare i nostri sport. Mi sono trasferita ad agosto, ora vivo a ''Petit Laurier'', e ho una pista di pattinaggio a due isolati da casa mia, quindi appena c'è del ghiaccio e ho mezz'ora per me, vado alla pista. Mio figlio ha 14 anni e "si muove" tutto il giorno per la scuola, ma all'ora di pranzo mangiamo in fretta e furia e andiamo per mezz'ora a tirare i dischi: è così bello! Quando si fa sport, e in particolare l'hockey, ci si sente così nel momento giusto: per me è uno sport straordinario, adoro giocare a hockey.

Per il resto, ho la fortuna di potermi godere il cottage della mia ragazza nel nord della Francia. Andiamo spesso nei boschi ed è bello perché non si sente la reclusione della foresta, non c'è il coprifuoco per i gufi, non c'è ansia. Soprattutto in primavera, quando sono stato confinato per la prima volta a marzo, mi ha condizionato molto a livello psicologico, e quando ero al nord, nei boschi, sentivo che era davvero più rilassato, mentre in città c'era molta tensione perché non c'era nessuno per le strade, non eri abituato e non sapevi cosa fare. 

Naturalmente, sono nel bel mezzo della stesura di un romanzo, quindi, pandemia o non pandemia, sarei seduto a casa da solo a scrivere al computer. Sono privilegiato perché questa pandemia mi colpisce molto meno professionalmente, e anche psicologicamente, di molte altre persone per le quali ho un'enorme solidarietà. Persone, amici che hanno perso ristoranti, bar e negozi e non sanno cosa fare, giovani che entrano nel Cégep senza alcuna iniziazione, che non hanno mai visitato il loro Cégep, è tragico, soprattutto per i più giovani. Ho molta comprensione per lo stress e la frustrazione che questo episodio può portare. 

Personalmente per me, come scrittore, la scrittura è una reclusione, una reclusione solitaria e sei nella tua testa. Puoi davvero uscire dalla tua testa e non ci sono più limiti in letteratura, puoi andare, per esempio, con Isaac Asimov nel futuro o in un'altra galassia, letteralmente con la lettura. Non ci sono più pandemie quando si scrive e quando si legge.

Parlando di attività, lei è un grande fan dei Canadiens e dei Patriots. Chi sono i suoi atleti preferiti in questo momento e, in tutte le epoche, chi sarebbero i suoi preferiti in questi due sport?

Al momento mi piace molto guardare i Chiefs, ma li amo fin dagli anni '90, soprattutto con Laurent Duvernay-Tardif, che dava una mano. È bello vedere un quebecchese in linea, che ha anche frequentato la facoltà di medicina e ha la testa sulle spalle, è un grande modello. Poi c'è Patrick Mahomes, il quarterback, che mi stupisce praticamente in ogni partita: è un ghiacciaio e un vulcano, alternativamente calmo ed entusiasta quando serve. Suo padre era un interbase, quindi ha imparato a lanciare lateralmente, lateralmente, con la mano sinistra o con la mano destra. Fa parte di una nuova generazione di quarterback che sono molto più mobili, molto più difficili da prendere, come anche Lamar Jackson. Prima facevi due o tre passi fuori dalla tasca ed era rischioso, ma non per loro, sono molto colpito.

Quando si parla di hockey, non capisco come Connor McDavid possa essere così veloce. È come se fosse in Matrix, tutti quelli che lo circondano sono troppo lenti e quelli che sono lenti sono giocatori della National Hockey League, mentre lui sembra essere in un altro campionato. Da persona che pattina trascinando un pianoforte, non capisco come possa essere così veloce.

Per quanto riguarda "tutte le epoche insieme", dipende molto da cosa si guarda, ma per me, dal punto di vista che lo sport è un fenomeno sociale, culturale e anche politico per il Québec, è Maurice Richard, un simbolo molto importante, un atleta che trascina con sé un popolo quando è nel suo sport e sul quale un popolo si appoggia, si proietta. Quando Maurice segnava un gol, era più di un pezzo di gomma che passava tra due pali, era un'intera nazione che riacquistava una certa dignità. Vedete, lo sport è importante! Certo, si dirà che tutto è cambiato, che non è più lo stesso, che gli atleti sono mercenari e tutto il resto, ma comunque c'era un po' di noi quando Laurent ha vinto il Superbowl, tutti si proiettano su modelli più grandi di noi. 

Lo sport è molto semplice, si vince o si perde, non c'è ambiguità, si segna un gol o non si segna un gol, è che mette alla portata di tutti simboli altrimenti più complessi. Lotte politiche, lotte sociali, classi sociali, a volte sono più astratte, ma qui diventano estremamente concrete. Maurice ha contato, noi abbiamo vinto, Boston è stata eliminata, è facile da capire e divertente da guardare.

Ho visto il film Maurice Richard con mia figlia, che all'epoca aveva 5 anni, e ha capito. Maurice combatte lì e perché l'arbitro lo trattiene quando viene colpito dal tizio di NY. Non è il miglior giocatore di hockey, Maurice Richard, ma il miglior giocatore di hockey, Wayne Gretzky, Mario Lemieux, Bobby Orr, tutti ottimi giocatori di hockey, ma l'atleta più significativo o importante per il Quebec, Maurice Richard.

Per avere successo, pensa che i Montreal Canadiens dovrebbero avere più persone che parlano francese?

Non so se si tratti di successo, anche se l'ultima volta che i Canadiens hanno avuto successo, nel '93, c'erano 11 francofoni in squadra, ma è rischioso fare una regola del tre così, perché lo sport non obbedisce a queste leggi. D'altra parte, vorrei che altri francofoni mi spiegassero perché i Canadiens non vincono quando perdono. Ci dicono sempre che dobbiamo scegliere i giocatori migliori, ma voi avete scelto i migliori e non avete vinto, quindi scegliete la vostra banda, scegliete la vostra banda. Non credo che Jonathan Drouin voglia essere il Maurice, il portabandiera di un'intera nazione, ma se ce ne sono 4-5 che si dividono il lavoro, che vanno a ''Tout le monde en parle'' e a diversi programmi del genere, sarà meno pesante per ognuno di loro.


Leggevo di recente che al momento ci sono solo 2 portieri del Quebec nel campionato nazionale, mentre prima ce n'erano un sacco. Il Quebec era un terreno fertile per i portieri, ma per tutta una serie di ragioni è cambiato, l'effetto Patrick Roy è scomparso del tutto. Amo i Canadiens, sono la squadra della mia città, ma mi lego sempre di più quando si tratta di un quebecchese di successo, questo è sicuro, è normale. Ad esempio, molte persone di colore si sono interessate all'hockey quando P.K. Subban è arrivato a Montreal, si sono identificate con P.K. e questo è del tutto normale. Un altro esempio, per le donne, c'è Kim Clavel, non è una pioniera ma si può dire che è molto brava e motivante.Questo non significa che a me, come bianco, non possa piacere P.K. Subban o che, come uomo, non possa incoraggiare Kim Clavel, ma significa solo che quando si tratta di qualcuno della tua banda, di qualcuno che ti assomiglia, è normale identificarsi con lui.

Parliamo un po' della sua giovinezza: i suoi genitori ascoltavano molto la musica?

Ai miei tempi, era l'epoca dei 45 e dei 33 giri, quindi quando ero giovane la musica era fragile, bisognava stare attenti a non graffiare i dischi o rompere la puntina, e bisognava stare attenti a non saltare troppo forte quando si ballava perché questo faceva saltare la musica. Oggi tutto questo è scomparso, ovviamente. I miei genitori ascoltavano molta musica e, quando avevo circa 7 o 8 anni, si comprarono un impianto audio molto grande, avevano investito 2000$, che era un sacco di soldi per quei tempi, quindi avevamo la Cadillac degli impianti audio accompagnati da una carrellata di dischi in vinile come Dire Straits, Michael Jackson, Culture Club, in realtà tutta la musica degli anni '80, ma i miei genitori ascoltavano anche dischi di musica francese, come Léo Ferré tra gli altri, che era più o meno quello che si ascoltava.

Questo ha avuto un'influenza su di lei? È ciò che ti ha spinto verso una carriera musicale/artistica?

È vero che tutto ciò che accade nella nostra infanzia ha un'influenza su di noi. I miei genitori ascoltavano anche molta musica folk, come "Le rêve du diable" o cose del genere, e questo ha sicuramente avuto un'influenza anche su di me. Dovrei fare un po' di psicoanalisi per determinare realmente l'influenza, ma sì, sicuramente l'ha avuta. I miei genitori erano insegnanti e mio padre era un insegnante di letteratura al Cégep, quindi anche questo ha avuto un'influenza su di me, in termini di linguaggio e tutto il resto, un'influenza da parte di entrambi i miei genitori, ma in particolare di mio padre.

Può raccontarci un bel ricordo che ha della musica, dei suoi genitori e di se stesso?

Ho un ricordo molto vivido, non ricordo esattamente quanti anni avessi, ma era l'anno in cui uscì l'album Brothers in Arms dei Dire Strait. (Nota dell'editore: "Brothers in Arms" è uscito il 1° maggio 1985, quindi Biz aveva 12 o 13 anni).Sono a letto nella mia stanza, i miei genitori stanno dando una festa con molti amici che indossano barbe e poncho e tutti fumano. Allora parte la canzone dei Sultans of Swing, mi alzo per andare in bagno o altro, e all'improvviso ho un ricordo di signori e signore che si divertono, e il salotto è pieno di fumo, ma che tipo di fumo non ho mai saputo. Non appena riascolto quella canzone, ho sempre un ricordo molto vivido, sono immediatamente teletrasportato alla mia infanzia, esattamente come la Madeleine di Proust, solo che nel mio caso non è gustativo, ma uditivo.

Quando era bambino, qual è stato il primo album che ha comprato/ricevuto?

Ricorderò sempre il primo album che ho comprato: era un vinile a 33 giri ed era Piece of Mind degli Iron Maiden. Non sapevo nemmeno se la musica fosse buona, ma la copertina mi parlava. Ho ascoltato molto quel vinile con il buon impianto audio dei miei genitori.

Si dice che la musica sia spesso una forma di terapia per molte persone. Quando era adolescente, l'ha spesso aiutata a evadere?

Sì, è stato molto importante. La musica dice tutto! Premi "Play" e dice al mondo come ti senti. Ascolti Bob Marley e sei a posto, ascolti i Metallica e sei forse un po' in crisi. Quando sei un adolescente, io comunque avevo una specie di rabbia interiore che non sapevo da dove venisse o come tirarla fuori, ma "Metal" mi ha aiutato molto in questo senso e ho anche iniziato a suonare la batteria alle medie, quindi era una frustrazione fisica... Più colpisco forte, più mi sento bene, più fa rumore... 

Mia madre era il ministro della cultura della nostra famiglia e pagava tutti i biglietti che io e mio fratello volevamo vedere, così sono andato a vedere i Metallica, ecc: C'è un signore con gli occhiali che suona il piano al Petit Champlain e pagherò il biglietto", perché il ministro aveva il diritto di concedere sovvenzioni, ma c'erano anche dei requisiti ministeriali, per cui, in quei casi, ero in un certo senso obbligato ad andare, ma nessuno, nessuno dei miei amici, voleva venire con me, perché non era molto popolare nelle scuole secondarie di primo grado un signore con gli occhiali che suonava il piano e, infine, era Richard Desjardins, l'autore di "Tu m'aimes-tu". Quello spettacolo mi ha colpito perché ho pensato: "Ok, possiamo farlo con le parole", "Potrebbe essere una canzone" e questo mi ha influenzato per il rap. 

Con Richard Desjardins, la questione del livello linguistico è inconfondibilmente quebécois, chiaramente, ma usa parole latine e persino, a volte, riferimenti antichi, parole molto elaborate o vecchi anglicismi dei minatori di Rouyn-Noranda. Naviga nella lingua, può parlare d'amore, di tutto e di più... Ha scritto le più belle canzoni d'amore, ma anche la più grande canzone politica, "Les Yankees". Tutto questo coesiste in modo perfettamente coerente, e anche questo mi ha influenzato molto.

La composizione è un'arte. Avete iniziato da piccoli? Avete iniziato scarabocchiando su pezzi di carta?

Ho parlato dello spettacolo di Richard Desjardins, che ha piantato un seme nel mio desiderio di scrivere, ma ha iniziato a germogliare più tardi. Naturalmente avevo già la voglia di scrivere perché a 8 anni avevo scritto un libricino sui dinosauri, mentre in prima media scrivevo pseudo-poesie baudelairiane e in terza media un brutto romanzo fantasy medievale, quindi scrivo da molto tempo, ma la composizione di rap è iniziata nel 1995 con Batlam in Quebec. 

Batlam è venuto da noi tra le vacanze di Natale e Capodanno con una canzone che aveva scritto. Avevamo ascoltato molto rap americano e MC Solaar, che ci convinse che potevamo fare rap in francese e in modo letterario come lui, perché MC Solaar ha molti riferimenti letterari. Io e Batlam, che eravamo letterati, ci siamo resi conto che non era necessario avere una "pistola" e vendere droga per fare rap. Batlam mi ha mostrato il suo testo, io ho aggiunto alcune cose e così abbiamo iniziato.

Se confrontate la musica dei diversi decenni, quale pensate sia la più autentica?

Penso che siano tutti autentici nella misura in cui la musica rappresenta l'epoca, incarna l'epoca in cui è stata creata, quindi in questo senso è autentica. Se un brano musicale non ci sembra autentico, forse è perché l'epoca stessa non è autentica. 

Non c'è dubbio che gli anni '70 siano stati grandiosi se si pensa al rock, ci sono state cose grandiose, se ne è parlato molto e sono stati mitizzati, ma per me, da un punto di vista qualitativo, gli anni '90 sono stati il periodo che mi ha interessato di più dal punto di vista musicale. Quando arrivarono i Nirvana con Smells Like Teen Spirit, fecero saltare il glam metal: non si poteva fare metal con spandex, spray-net e rossetto come i Motley Crue, non era possibile. Non ero un grande fan dei Nirvana, non ascoltavo la loro musica, ma avevo molto rispetto per tutto ciò che rappresentavano e capivo perché piacessero a tante persone. Ci sono stati anche altri nomi che hanno lasciato il segno in quegli anni, come i Pearl Jam e, qui in Quebec, Jean Leloup, Les Colocs, Les Vilains Pingouins... Ma per me gli anni '80 sono stati più deboli dal punto di vista musicale e creativo.

C'era anche il rap degli anni '90 e, da persona a cui piaceva molto il rap, quello che veniva fatto in quegli anni era molto creativo e molto solido.

Facciamo una transizione graduale all'attuale Biz, e ne approfitto perché prima parlavate di Batlam.Dall'uscita di Manifestif nel 2000, che comprai all'angolo di una strada di Montreal (e, se non ricordo male, direttamente da uno di voi), i Loco Locass hanno fatto molta strada. Cosa succederà alla band in un futuro prossimo e/o più o meno lontano?

La risposta breve è niente, perché per quanto mi riguarda siamo in pensione come band. Anche perché, da un lato, non abbiamo nuove canzoni in cantiere e, dall'altro, non ho intenzione di fare un altro album o un'altra canzone. 

D'altra parte, sì, dico che non ne ho intenzione, ma non direi mai "Fontaine, je ne boirais pas de ton eau" perché, quando abbiamo pubblicato il nostro ultimo toune "Le Clan" nel 2016, ero appena tornato da un viaggio promozionale in Europa per parlare di uno dei miei libri, ero appena tornato e mi consideravo uno scrittore, ma ho aperto la mia casella di posta elettronica e c'erano i versi di Batlam e il "beat" di Chafiik e ho detto: "Oh! Che cos'è? Un nuovo flusso, un nuovo suono, nuove parole, ho mandato una mail a Batlam e gli ho detto: "Sì, c'è una "Seize barres" disponibile sul sito perché mi piacerebbe partecipare". Ho rigurgitato la mia strofa praticamente in mezz'ora, è stato davvero molto veloce e, in seguito, abbiamo lavorato a quella toune nello stesso modo in cui abbiamo lavorato alle nostre toune su ''Manifestif'', cioè noi tre insieme in studio a rullare il beat e a intervenire sui testi dell'altro. Batlam ha anche scritto un'altra strofa durante questo periodo in studio. Quindi, anche a quel punto, avevo più o meno tirato fuori tutte le carte in tavola, ma è arrivata un'altra canzone, ma UNA canzone, non un album.

Il rap è cambiato molto. Mio figlio di quattordici anni ascolta molto rap americano e ora è lui a tenermi aggiornato su quello che succede. Per quanto riguarda il rap del Quebec, si è affermato, ci sono molti attori e c'è un movimento che è reale, che è esistito più o meno ai nostri tempi. Quindi non vedo come potremmo tornare a fare rap, all'età che abbiamo e con quello che il rap è diventato, senza sembrare dei vecchi che stanno vaneggiando in qualche modo. Perché se continuiamo a fare quello che facevamo prima, non ci evolviamo e rimaniamo bloccati nel passato, ma se cerchiamo di fare quello che si fa adesso, sembriamo vecchi signori che indossano zucchetti all'indietro e jeans al ginocchio per salutare i giovani, quindi, in un modo o nell'altro, non funziona. In ogni caso, parlo per me, non parlo per Batlam e Chafiik, il mio impulso creativo non si esprime nel rap, ma nella scrittura, nella prosa. Prima, appena aprivo il rubinetto, usciva solo il rap, ora quando apro il rubinetto, esce la prosa, la letteratura.

Nonostante il tuo "ritiro" da Loco Locass, hai uno stile musicale che ti piacerebbe esplorare, sia da solo che con altri artisti?

No, perché una volta assaporato il piacere di fare castelli di sabbia in riva al mare, è difficile tornare a farli in una sabbiera. Questo è il mio paragone tra la letteratura e il rap: una volta che riesci a raccontare la tua storia in 300 pagine, è difficile tornare a 3 minuti. 

Alla fine, credo che quel rap nella mia vita - non sono ancora pronto a fare un bilancio, ma questo è ciò che posso vedere quando mi guardo indietro - sia stato un interludio nella mia vita, un interludio lungo e ricco. Quando dico questo, non sto cercando di minimizzare o denigrare quella parentesi, affatto, ma è stato un caso per uno come me. Non ero un musicista, non ero un melodista, amavo la musica ma non la capivo, ancora oggi non mi considererei mai un cantante, non so cantare, non sono bravo, non ho fiato e non riesco a tenere bene una nota mentre con il rap era perfetto! Non sono un cantante, ma ho delle cose da dire e ho un ritmo, ma il rap si basa sulla scrittura. Con il rap ci sono così tante parole che si possono scrivere più che con il rock, per esempio. È per questo che siamo entrati nel rap in un certo modo, abbiamo ascoltato molto e avevamo cose da dire, avremmo potuto fare anche teatro, avremmo potuto fare molte altre cose, ma questo è tutto.

Personalmente, ho dedicato vent'anni della mia vita al rap a tempo pieno, almeno all'inizio sicuramente a tempo pieno, e non ho assolutamente nessun rimpianto per quello che abbiamo fatto con Loco Locass, niente, ma sono andato avanti come un pittore che ha un periodo blu, per esempio, e semplicemente passa a qualcos'altro.

Hai detto che ora è più tuo figlio a dirti cosa succede nel mondo del rap, ma cosa pensi della musica Hip Hop/Rap emergente in Quebec e del suo posto nel mondo?

Lo guardo da lontano, come una specie di zio che guarda i suoi nipoti e i loro amici divertirsi. Ci sono alcune cose buone, a livello formale, direi, ed è questo che trovo interessante. Con i social network, il modo in cui le persone si mettono in scena, si commercializzano, penso che ci sia molta creatività, soprattutto in tempi di pandemia, penso a Fouki, tra gli altri, ci sono diversi che hanno fatto degli album. Se avessimo avuto 25 anni durante la pandemia, Loco Locass avrebbe sicuramente pubblicato un album, magari non perché stavamo componendo tranquillamente, ma avremmo lavorato, questo è sicuro.

Oltre all'hockey, alla musica e alla letteratura, ha altre grandi passioni? Se sì, quali?

Prima della pandemia c'era il karate, che mi ha fatto bene al corpo e alla mente, e non vedo l'ora di tornarci, ma naturalmente sono anche un grande appassionato di cinema, sia per guardare i film che per scrivere le sceneggiature. Non sono mai stato bravo a disegnare, ma mi interessa dipingere. Sembra che quando non si è bravi in qualcosa, sia impressionante vedere il talento di chi eccelle. È la stessa cosa con l'hockey, io gioco ma non sono bravo e quando vedo qualcuno che è davvero bravo, mi stupisce. 

In letteratura, senza dire che sono bravo in letteratura, bisogna alzarsi presto per impressionarmi, parlo di stile, sono molto pignolo sullo stile quando si tratta di letteratura. Potete anche raccontarmi una bella storia se non avete stile, non vi ascolterò. Per dirla in parole povere, lo stile in letteratura è come lo stile di un comico, Louis-José Houde potrebbe mostrarvi l'elenco telefonico e voi ve la fareste sotto, non c'è niente di interessante nell'elenco telefonico ma lui ha il suo stile, il suo ritmo, il suo flusso, la sua mimica, questo è lo stile ed è la stessa cosa in letteratura. Non è quello che mi dici che mi interessa, ma come me lo dici.

Lei si è sempre occupato di giovani, sia attraverso i campi giovanili, sia attraverso i giovani ritratti nei suoi romanzi, sia attraverso il video musicale e la canzone "M'accrocher" di Loco Locass, che è un messaggio sul dolore e sul disagio dei nostri giovani. Cosa ha cercato di trasmettere loro attraverso le sue esperienze con loro?

Naturalmente il mio rapporto con i giovani è cambiato con l'avanzare dell'età, perché quando ho iniziato ero giovane anch'io e, inoltre, la giovinezza è relativa: ad esempio, mio figlio di 14 anni è giovane, ma sua sorella di 10 anni è uguale. All'inizio, i giovani che partecipavano agli spettacoli di Loco Locass avevano la mia età, quindi eravamo con loro e quello che cercavo di portare loro era nient'altro che me stesso, sperando che li toccasse e che si sentissero interpellati da quello che avevo da dire. 

Nei campi di vacanza, i genitori ci affidavano i loro beni più preziosi e noi eravamo nei boschi a tenerli occupati: era molto divertente. Quando pioveva, si tiravano fuori un sasso e un bastone e si doveva inventare un gioco. Ho lavorato lì durante il primo anno del CEGEP, ero piuttosto misantropo come persona alla fine del quinto anno di liceo, all'inizio del CEGEP e, dopo un'estate al campo di vacanza, ero diventato un umanista. Non si contano le ore di sonno che si fanno quando si hanno bambini dell'asilo e se qualcuno ha paura nel cuore della notte, ci si alza e si va ad aiutarlo, questo ti permette di uscire da te stesso e pensare agli altri.

Ora, io stessa ho dei figli ed è un rapporto diverso, perché c'è una questione di autorità, ma per quanto riguarda i giovani in generale, cerco sempre di rimanere curiosa su ciò che li interessa, su ciò che li fa emozionare, sul perché parlano in quel modo e sul perché si interessano a quell'argomento, per esempio. Cerco di capirli invece di giudicarli, ma direi che più ci si allontana da loro in termini di età, più è difficile capirli. Più aumenta il divario tra le generazioni, più tendiamo a giudicarci a vicenda, e non è sempre una cosa positiva. 

Quando fai parte di una generazione, hai una sorta di solidarietà di classe ma non te ne rendi conto, come ai vecchi tempi con Loco Locass, era "Liberateci dai liberali", noi eravamo quelli che avevano ragione, punto e basta, e gli altri che non erano d'accordo con noi, erano nel campo. Quando si invecchia, si colgono un po' più di sfumature, ed è questo che mi è piaciuto dello sciopero del 2012, quando abbiamo accompagnato i giovani nello sciopero, anche se non era il mio sciopero: non frequentavo l'università da 20 anni, ma mi sono divertito molto a stare con loro e ad accompagnarli nella loro lotta. Penso che quando si è in mezzo ai giovani non si invecchia così rapidamente, non si diventa stupidi così rapidamente.

Prima ha parlato dei social network: qual è il suo rapporto con essi?

Non lo so, in realtà ho un piede fuori dalla porta e l'altro dentro. In realtà, la mia ragazza mi tormenta sempre per il mio account Instagram, pensa che sia un totale fallimento. Io ce l'ho, ma ho solo 1.200 follower, non pubblico nulla e non sono mai stato su Facebook. In realtà, mi piace di più Twitter. Mi sono iscritto nel 2012, esattamente durante lo sciopero degli studenti; all'inizio, era per promuovere il nostro disco che stava per uscire e, alla fine, durante lo sciopero, è stato molto utile e molto interessante essere su Twitter.

A me piacciono di più le parole, i piccoli aforismi, le piccole riflessioni e Instagram è più incentrato sulle foto e a me interessa meno fotografare la mia insalata. Ma detto questo, non giudico, o tanto meno da quando frequento la mia ragazza, quelli che lo fanno, c'è una forma di estetismo lì, c'è persino una forma di dandismo. L'account Instagram di Baudelaire avrebbe potuto avere storie con quadri di Eugène Delacroix, hashish e dandy con cappelli a cilindro, non giudico chi lo fa, ma c'è qualcosa di un po' vanitoso in questo, preferisco lavorare a un romanzo che a un tweet.

Allo stesso tempo, dico questo, ma si possono sempre convertire gli iscritti ai social network, la mia ragazza ha un bel po' di iscritti e, a volte, riceve dei regali, dei brevetti, è un po' come un cavallo, dipende da chi lo monta, da cosa ne fai. Ma sono ancora un po' scettico: apprezzo molto le cose reali, i contatti veri, ma penso che ci sia un lato oscuro nei social network, per cui quando si mettono in contatto persone che non stanno bene, anche questo può portare a un'invasione del Campidoglio. 

Al momento ci sono troppe persone che non hanno nulla da fare e sono infelici, dobbiamo occuparci di questo, dobbiamo far sì che le persone tornino a lavorare, ad andare nei bar, ad ubriacarsi con gli amici e ad uscire, a rivedere le persone. Non siamo tagliati per la vita che stiamo conducendo in questo momento, ce ne rendiamo conto e i social network aggravano la situazione, quindi dobbiamo stare attenti, perciò a volte cerco di prendermi una piccola pausa.

Dagli anni '60, la tecnologia ha regolarmente fatto grandi passi avanti in molti settori della nostra società. Questo vi spaventa o vi entusiasma?

Tenderei a dire che, qualunque cosa accada dal punto di vista tecnologico, non dobbiamo perdere di vista il fatto che la natura dell'umanità è ancora il contatto umano. Non credo che riusciremmo a incarnare l'umanità se fossimo ognuno nel proprio appartamento, collegati ai computer. Non credo che questo sia l'obiettivo della specie umana, non credo che siamo fatti per questo, a meno che non ci evolviamo, a meno che il nostro cervello non si evolva nel corso di milioni di anni, un po' come pensava Houellebecq in "La possibilità di un'isola".

Per esempio, non ho un'auto a Montreal ma posso avere una Communauto a distanza con il mio telefono, il mio rilevatore di fumo è collegato al mio cellulare e se non sono a casa e il mio uomo sta cucinando i noodles e inizia a suonare, lo saprò immediatamente grazie al mio telefono.... Ci sono cose molto buone nella tecnologia, non tornerei a vivere nel Medioevo, davvero, ma come ho detto, abbiamo bisogno di tornare all'hockey di base e l'hockey di base significa divertirsi con i nostri amici, inciampare, realizzarsi, realizzarsi personalmente in progetti significativi e, infine, dato che siamo nella società, non possiamo prendere per il culo le altre persone.

Sono sempre affascinato da quanto si possa essere cattivi, da come si possano dire o scrivere cose così meschine e violente che non si farebbero mai. Quando ero in Loco Locass, avevo un file in cui archiviavo le minacce di morte che ricevevo, e all'epoca non c'erano Twitter o cose del genere, solo email, perché se avessimo fatto tutto quello che abbiamo fatto nello stesso modo, con tutti i social network che abbiamo oggi, probabilmente ne avremmo ricevute molte di più. Non ho mai avuto brutte esperienze nel mondo reale, nemmeno qualcuno che è venuto da me e mi ha detto: "Sei un idiota, amo i liberali, ti darò un pugno in faccia", ma su internet succedeva regolarmente. Come si possa inviare una cosa del genere nell'universo o a qualcuno, sapendo che non la si direbbe mai in faccia, non lo capisco, è incoscienza, vigliaccheria o pura ripicca...

A me piacciono di più le parole, i piccoli aforismi, le piccole riflessioni e Instagram è più incentrato sulle foto e a me interessa meno fotografare la mia insalata. Ma detto questo, non giudico, o tanto meno da quando frequento la mia ragazza, quelli che lo fanno, c'è una forma di estetismo lì, c'è persino una forma di dandismo. L'account Instagram di Baudelaire avrebbe potuto avere storie con quadri di Eugène Delacroix, hashish e dandy con cappelli a cilindro, non giudico chi lo fa, ma c'è qualcosa di un po' vanitoso in questo, preferisco lavorare a un romanzo che a un tweet.

Allo stesso tempo, dico questo, ma si possono sempre convertire gli iscritti ai social network, la mia ragazza ha un bel po' di iscritti e, a volte, riceve dei regali, dei brevetti, è un po' come un cavallo, dipende da chi lo monta, da cosa ne fai. Ma sono ancora un po' scettico: apprezzo molto le cose reali, i contatti veri, ma penso che ci sia un lato oscuro nei social network, per cui quando si mettono in contatto persone che non stanno bene, anche questo può portare a un'invasione del Campidoglio. 

Al momento ci sono troppe persone che non hanno nulla da fare e sono infelici, dobbiamo occuparci di questo, dobbiamo far sì che le persone tornino a lavorare, ad andare nei bar, ad ubriacarsi con gli amici e ad uscire, a rivedere le persone. Non siamo tagliati per la vita che stiamo conducendo in questo momento, ce ne rendiamo conto e i social network aggravano la situazione, quindi dobbiamo stare attenti, perciò a volte cerco di prendermi una piccola pausa.

A proposito dell'attuale rapporto tra media e artisti. Ritiene che negli ultimi anni ci sia stato un sostegno sufficiente?

Credo che con i social network gli artisti abbiano preso il controllo del proprio marketing. Ci sono sempre meno intermediari tra i fan e gli artisti, e questo è un bene. Ora, il modello economico della musica non è assolutamente a favore degli artisti: tutti regalano la propria musica, il che non ha senso dal punto di vista economico. Ma tutti lo fanno, e non biasimo affatto i giovani che lo fanno, perché la musica è diventata un biglietto da visita per invitare la gente ad andare agli spettacoli e a comprare magliette, è così e basta. Il declino dei media tradizionali è accompagnato da un aumento della promozione attraverso i social network da parte degli artisti, bisogna dedicarci sempre più tempo ed è molto impegnativo interagire direttamente con i fan perché, alla minima azione (per esempio: "Sei mesi fa in Val D'or ti ho salutato e non mi hai risposto"), i fan hanno l'impressione che tu appartenga a loro o che tu debba loro qualcosa a livello emotivo. Come me, sì, devo qualcosa ai miei fan a livello artistico, certamente, ma non devo loro nulla a livello personale perché non espongo nulla della mia vita privata o, comunque, molto poco.

E per quanto riguarda i poveri media tradizionali, quando "La Presse" fatica a sbarcare il lunario, non ci si può aspettare che i giornalisti molto critici facciano il loro lavoro. Succederà che gli influencer chiederanno l'elemosina per i biglietti degli spettacoli e che ci saranno artisti che regaleranno biglietti in cambio di una buona parola su Twitter o di una foto su Instagram, non siamo più nel business della critica, della Critica, quel tipo di lavoro critico non esiste più in Quebec.

Dato che ha detto che gli artisti ora danno via la loro musica gratuitamente, pensa che la remunerazione dei servizi di musica digitale come Spotify sia abbastanza alta in relazione al numero di ascolti?

Oh no, beh no! Rispetto ai profitti che genera, è chiaro che non è abbastanza! Se Spotify dicesse: "Guarda, stiamo arrivando a kif-kif, non possiamo pagare più di così". Ok, forse, ma questo è un modello che si basa praticamente sullo sfruttamento dei lavoratori. La forza lavoro, per usare l'espressione di Marx, è quella che meno beneficia delle ricadute dell'attività economica dovuta a quella forza lavoro, il che è ancora inconcepibile. Com'è possibile che i grandi provider di Internet non restituiscano più di tanto agli artisti, visto che sono questi ultimi a fornire i contenuti?

C'è anche un altro problema, perché al giorno d'oggi chiunque suoni la chitarra o faccia cover di brani è in grado di generare milioni di clic e un sacco di soldi. Non sono nemmeno solo gli artisti veri e propri a generare click, ormai è aperto praticamente a tutti. Detto questo, quando la tua canzone - penso a "Happy" di Pharrell Williams - ottiene un sacco di airplay e genera diecimila piastre per milioni di visualizzazioni e ascolti sulle varie piattaforme, c'è chi si mette in tasca troppo e chi no, e la torta è quella che è, ma è distribuita molto male. 

Vorrei ringraziarvi per tutto il tempo che mi avete dedicato ma, prima di salutarci, ecco una domanda bonus di una fan, Roxanne Trépanier, che vorrebbe sapere se la canzone e il video "Secondaire" sono basati su una storia vera?

Sfortunatamente per Chafiik e per me, era abbastanza autobiografico. Le mutande per terra il primo giorno, ecco cosa è successo. Vorresti cambiare scuola e tutto il resto, ma col passare del tempo ci ridi sopra, ti diverti e ne fai una canzone!

Esatto, è una grande esperienza di vita!

La bellezza dell'arte! Cosa si può fare con il letame? Beh, farci crescere dei fiori! (Questa è l'ultima parola, letame! Nel senso di: "Questo locale, dovreste farlo "concimare" fino in fondo!". (Risate)

>Vedi anche

Le travail d’auteur de Biz a été récompensé par le Prix du livre jeunesse des bibliothèques de Montréal et le Prix jeunesse des libraires du Québec en 2012 pour «La chute de Sparte» ainsi que par le prix France-Québec en 2015 pour «Mort-Terrain». Sa dernière oeuvre «Les abysses» est son septième livre publié chez son éditeur Leméac. http://www.lemeac.com/auteurs/163-biz-.htm

0%