montagna melsa

credito: Yagub Photography

À PROPOS / A PROPOSITO DI

Melsa Montagne presenta una serie di ritratti anonimi. Volti umani inventati con espressioni a volte inquietanti, ma allo stesso tempo molto sensibili. Melsa è interessata ai sentimenti autentici, quelli più preziosi, quelli che destabilizzano. Cerca di trasmettere una sincerità emotiva. Il suo linguaggio pittorico è intriso di empatia per i suoi soggetti. Sceglie di ridurre al minimo la presenza del colore e di esplorare una tavolozza più monocromatica, rafforzando e concentrando l'enfasi sul soggetto. Il vocabolario che sviluppa, fatto di sguardi suggestivi ed espressioni toccanti, comunica l'universalità dei colori dell'animo umano che ci accomuna.

L'artista ha raggiunto un livello di disinvoltura e spontaneità del gesto che la porta ora a iniziare un lavoro di astrazione. Procedendo per *paréidolie, (identificare una forma familiare in un punto) individua poi l'espressione di un volto e l'inizio di un busto. Melsa si rivela in uno stile istintivo e di sfogo. Questa tecnica la porta a vivere e a costruire sugli incidenti, spingendo la sua esplorazione al di là delle ricette collaudate. In questo modo, evita la ripetizione e osa rinnovarsi.

fonte melsamontagne.com

Ritratto d'artista con Melsa Montagne

Ci può parlare del percorso che l'ha portata a fare arte?

Vi ricordate quando stavamo scegliendo cosa iscrivere al CEGEP? Beh, io mi sono detta: farò arte, non voglio fare matematica e so disegnare un po'! Lol! Ok, mio padre era un insegnante d'arte e mia madre era molto coinvolta nelle arti visive, come acquerellista e organizzatrice di eventi. Ho iniziato a dipingere all'università. Ho scoperto che era il mezzo più adatto a me. E da allora continuo a dipingere! Non avevo idea di cosa volessi fare da grande, ma sapevo TUTTO quello che non volevo essere. Il mio percorso ha preso forma quando ho imparato ad abbracciare l'artista che stavo diventando.

Lei sembra essere un artista completo. Può parlarci dei diversi mezzi che utilizza? Quale preferisce?

Diciamo che mi diverto con una varietà di mezzi di comunicazione. Amo la scultura Land art, opere effimere che utilizzano elementi della natura. Mi piace realizzare murales con bombolette e acrilici. Mi piace l'acquerello, che è più delicato. Mescolare le tecniche sulla tela è davvero interessante. Lo faccio regolarmente nei miei dipinti. Ma l'acrilico sarà sempre il mio medium!

Pensa che sia possibile vivere della sua arte nel 2020?

Con i social network di oggi, è molto più accessibile di quando ho iniziato nel 2008. Direi quindi di sì alla sua domanda. D'altra parte, il consiglio che potrei dare e che mi aiuta sempre è quello di essere proattivo e versatile. Aspettare nel proprio studio che il proprio lavoro si venda da solo è un'illusione. Soprattutto per gli artisti alle prime armi. Soprattutto, dipingere per se stessi aumenta la passione e la determinazione ad andare avanti!

Hai uno stile molto personale, puoi dirci come sei arrivato a svilupparlo? Ci sono influenze particolari?

Ho iniziato questo stile nel 2014. Volevo allontanarmi dalla tecnica più precisa e realistica di realizzare i volti. È stato un periodo in cui ho avuto degli shock emotivi in famiglia che mi hanno fatto fare una svolta di 180 gradi nel mio approccio. Avevo bisogno di sentire quello che facevo sulle mie tele, di lasciarmi andare spontaneamente a gesti liberi. Ho scoperto i miei personaggi attraverso questi gesti, alla maniera della pareidolia, un'illusione ottica che ora utilizzo come tecnica principale per indovinare i miei personaggi attraverso le mie pennellate.

Cosa ne pensi del rapporto tra web e arte, è un buon matrimonio o un matrimonio forzato?

Siamo arrivati a un'epoca in cui è praticamente obbligatorio usare il web per vedere l'arte. Non sarà mai paragonabile a vedere un'opera di persona in una galleria o su un muro esterno. D'altra parte, è ideale per promuovere il proprio lavoro. Direi che è un misto tra un buon matrimonio e un matrimonio forzato.

Covid ha avuto un impatto sulle vostre attività quotidiane?

Direi di sì, ora che siamo in questa situazione da diversi mesi. All'inizio ho avuto un'iniezione di energia creativa. Mi sono proposto di dipingere un'opera al giorno per 50 giorni. Ero in fibrillazione! Mi sono detta che non era un gran cambiamento rispetto alla mia routine quotidiana, visto che dipingo da casa e vivo bene nella mia solitudine creativa. Avrei dovuto continuare! In seguito ho avuto momenti più tranquilli, senza l'ispirazione di creare in studio. Ma era il periodo giusto dell'anno, perché mi sono messa all'opera per aprire il mio viale verde e piantare i nostri fiori. Mi sono anche presa il tempo di avviare il mio orto. Terapia del momento presente all'aria aperta! Come molte persone, ho avuto molti contratti, mostre e progetti annullati. Ho una visione positiva della vita e mi sono resa conto che, anche se cercavo di mantenerla attiva e autentica, avevo un vuoto nel presente, senza gusto né sapore. Era come se non riuscissi a vedere alcun obiettivo possibile per il mio anno. Durante l'estate mi sono spesso ritirata nella natura per tornare alle origini. Quest'autunno sono tornata con forza, con una serie di progetti concreti in corso e altri in arrivo.

Ho visto che ha partecipato a un programma televisivo intitolato "T'es où Théo": può raccontarci come è andata e cosa ha pensato di questa esperienza?

Era in un'altra vita! Aha! Mi è piaciuto molto partecipare a quell'avventura. La piccola troupe è stata molto accogliente per la persona autodidatta che ero. Non ricordo nemmeno come ho ottenuto il contratto! Ho già realizzato altri progetti di bricolage per bambini in TV, quindi ci deve essere un legame tra loro. Ho realizzato queste 21 vignette nel 2010 e gli amici mi mandano ancora (nel 2020) foto e video dei loro figli che mi guardano dal loro salotto! Quando i video erano appena stati trasmessi sul canale YOOPA, i giovani mi hanno riconosciuto all'apertura. Dicevano ai loro genitori, tirando i pantaloni: "Ehi mamma, guarda! È Madame Melsa!". È così carino, lo adoro! Non sono circondata da bambini nella mia vita quotidiana, quindi non mi rendevo conto dell'impatto che poteva avere.

credito : Biblioteca nazionale

Avete intenzione di fare altri spettacoli come questo o tramite YouTube?

...per i bambini, no. Sono più interessato a fare cose in linea con la mia arte visiva. A volte faccio delle capsule veloci sulle tecniche di pittura nel mio studio. Non sono contrario a farne di più dettagliate su altre tecniche di arte visiva, ma con l'aiuto di audio, telecamere e tecniche di trasmissione.

Ci sono alcune delle sue creazioni di arte urbana, pensa di farne altre in futuro?

Non ho in programma altri grandi progetti di arte urbana, ma so che tornerò a dipingere sui muri, legalmente, prima che arrivi la neve. È una bella sensazione uscire dallo studio e spingermi davvero oltre. È sempre una sfida per me. Infatti, ho appena partecipato a un grande murale collettivo accanto alla Métropolitain.

C'è abbastanza sostegno per gli artisti visivi in Québec?

Non credo che la copertura televisiva sia sufficiente. Nonostante ci siano molte organizzazioni che aiutano e sostengono gli artisti nelle loro imprese, è difficile che i media parlino di noi.

Secondo lei, ci sono artisti che meritano maggiore visibilità?

Assolutamente! Sono favorevole a dare una possibilità a chi lavora sodo. Per questo mi piace organizzare mostre collettive che riuniscono una ricca diversità visiva.

A volte è bene allontanarsi dall'arte per un po'. Cosa fa per ricaricare le batterie?

 IL'arte è la mia vita quotidiana. Mi prendo del tempo lontano dal mio studio per andare in bicicletta o fare yoga. Amo la semplicità, vivere e apprezzare il momento presente. Ho un'ossessione per la botanica, l'erboristeria e le pozioni magiche, come direbbe il mio ragazzo! Mi piace la bassa tecnologia, quindi fare i miei inchiostri per dipingere con i fiori è affascinante! Quindi prendo i miei strumenti dalla natura! Ops, non rinuncio alla mia arte... è una cosa che fa parte del territorio, credo! Prima della pandemia, la mia vita sociale mi aiutava. Mi piaceva uscire a ballare e a ridere con le vecchie canzoni dei miei tempi con gli amici fino alle 2 di notte! Ora mi basta fare una passeggiata per osservare tutto, scattare foto, scoprire i vicoli di Montreal più e più volte o uscire nella natura per trovare un po' di pace e tranquillità. Per me è lo stesso. Certo, ascoltare film aiuta a rilassarsi e a provare emozioni, ma non in inverno!

Avete un talento nascosto che non serve a nulla?

Oh... non è facile! Ah sì, hihi:

- Conosco un dialetto inventato che ho imparato da bambina con le mie sorelle. Diciamo che sappiamo come parlare in gergo!

-In caso contrario, conosco un micro beatbox.

- Le 4 dita delle mie due mani possono piegarsi di 45 gradi verso il dorso della mano. Iperflessibilità, dicono...

- E aggiungo che so fischiare bene con le dita (2 o 4).

Che ruolo ha la musica nella sua vita quotidiana?

Era già onnipresente. Al punto che ne avevo bisogno per entrare in uno stato creativo! Lo ascolto ancora mentre dipingo. Prima metto le cuffie, in modo da essere nella mia bolla personale. Ma direi che negli ultimi anni ho dipinto in silenzio per la maggior parte del tempo. Semplicemente mi dimentico di metterle.

Può parlarci del suo coinvolgimento nel libro "Cet imperceptible mouvement"?

offre questo movimento impercettibile

Ho semplicemente illustrato la copertina. Questo è il terzo libro dell'autrice AUDE (delle Éditions Bibliothèque Québécoise) che ho avuto la possibilità di illustrare! E le sue storie hanno spesso uno strano legame con il mio lavoro. Dovete sapere che l'autrice non è più tra noi, quindi a volte è inquietante leggere queste somiglianze e connessioni.

Spero che il lettore sia eccitato, quindi dove possiamo ammirare i suoi lavori?

- In tutta la città, sulle pensiline degli autobus, sono stati affissi i manifesti della campagna di sensibilizzazione DANS LA RUE, che aiuta i giovani a lasciare la strada.

- Il mio sito web: melsamontagne.com

- Instagram: @melsamontagne

- Facebook: Arte di montagna Melsa

- La galleria che mi rappresenta: https://champagneparadis.com/

- Su alcuni muri di Montreal!

Ha qualche progetto in fase di sviluppo o un progetto futuro di cui vorrebbe parlare?

A novembre partirò per la mia prima residenza creativa. Avevo previsto un vernissage e un'open house, ma con il confino mi limiterò a creare e a condividere la mia vita quotidiana sui social network, in modo che le persone possano seguire con me gli sviluppi della mia residenza. Dopo questa residenza, ho in programma una mostra alla Galerie 2112 di Montreal a dicembre.

Per ringraziarvi, vi lascio l'ultima parola!

Invito le persone a venire a farmi domande sulla mia pratica e sulle mie tecniche artistiche. Mi piace anche collaborare a progetti artistici, quindi scrivetemi e parliamone! Grazie per le vostre domande xx

Biografia | Biografia

MELSA Montagne ha conseguito il diploma universitario in arti plastiche nel 1998. È lì che ha scoperto la pittura e l'amalgama delle sue tecniche, che oggi utilizza come mezzo di espressione. Nel 2008 ha deciso di dedicarsi a tempo pieno alla pittura e di lasciare il segno sulla scena di Montreal con una serie di progetti artistici, tra cui murales, affreschi e un pianoforte pubblico. Accompagnata daartista del riciclo LARTISNICK, sono vincitori del premio " Omaggio a Frédéric Back "nel 2014 con la creazione di un'opera pubblica". Il Proliferatore "Una scultura monumentale ed effimera (2014-2020) realizzata su un grande pioppo nel Parco La Fontaine. Dicembre 2015, Melsa viene contattato per illustrare i manifesti della campagna di sensibilizzazione dell'organizzazione "Dans La Rue". Da allora, sono spuntati nelle pensiline degli autobus e nelle stazioni della metropolitana di tutta la città. Melsa ha partecipato a numerosi festival di arti visive, aste di raccolta fondi e concorsi. Ha vinto numerosi premi, tra cui il Gran Premio al Festival Mtl en Arts 2016. Ha inoltre vinto il concorso BIXI & MOI nell'ambito del 375° anniversario di Montreal. Una delle sue opere si trova su un Bixi. Le sue opere sono state esposte in varie mostre collettive e personali a Montreal, in Quebec, a Boston e in Australia. Attualmente è rappresentata dalla Galerie Champagne et Paradis di Kamouraska, nella regione del Basso San Lorenzo in Quebec. Melsa Montagne vive e lavora a Montréal.

fonte melsamontagne.com

Video : Ritratto di un'artista di Montreal: Melsa Montagne

credito: Montréal dans ta pipe di Ugo Bergeron

0%